Categorie
Ciclo mestruale Mestruazioni

Sintomi del ciclo: quali sono i segnali che ci avvertono dell’arrivo delle mestruazioni?

La maggior parte delle donne è in grado di capire quando le mestruazioni sono vicine: per saperlo tante non hanno bisogno di fare affidamento sul calendario (sopratutto chi ha un ciclo molto irregolare), ma si basano su tutta una serie di sintomi che precedono la fase mestruale, e che cambiando da donna a donna.

Sintomi pre ciclo e fase luteale

Nel nostro approfondimento sulle quattro fasi in cui si divide il ciclo mestruale (inteso come periodo di tempo che va dall’inizio di una mestruazione all’inizio di quella successiva) abbiamo visto che, appena prima dell’arrivo delle perdite di sangue che inaugurano la fase mestruale, c’è la fase chiamata luteale.

Le cellule che rimangono nel follicolo ovarico (ovocita circondato da uno strato di cellule) cambiano e si trasformano nel corpo luteo: è da qui che ricomincia la produzione di estrogeno e progesterone, ormoni chiave in questa fase del ciclo.

Da cosa sono causati i sintomi che precedono le mestruazioni?

I sintomi del ciclo possono variare molto come intensità e come origine (mal di testa, dolore al seno, mal di pancia, depressione, etc.), tuttavia la maggior parte sono causati dalle oscillazioni ormonali tipiche del ciclo mestruale.

Abbiamo detto che nella fase luteale – quella che precede le mestruazioni – a farla da padrone sono il progesterone e, in misura minore, gli estrogeni.

Cosa fanno questi ormoni?

Il progesterone è un ormone che evita che l’utero si contragga (particolarmente importante quindi durante la gravidanza); tuttavia i suoi effetti coinvolgono anche la muscolatura liscia della parete intestinale e questo può causare stitichezza nei giorni che precedono le mestruazioni.

Alti livelli di progesterone aumentano anche l’escrezione di sodio e cloro, che possono dare luogo a ritenzione idrica.

Inoltre questo ormone può infiammare le ghiandole mammarie e causare quindi dolore al seno.

Anche l’estrogeno ha effetti sul seno poiché è in grado di allargare i dotti galattoferi (i canali preposti all’allattamento) e, di conseguenza, il seno nei giorni precedenti alle mestruazioni può risultare gonfio e dolorante.

Sintomi del ciclo: quali sono?

Come sempre non vi è una risposta univoca poiché ogni donna è diversa e diverse sono anche le reazioni del corpo.

In generale comunque possiamo dire che prima dell’arrivo delle mestruazioni possiamo notare questi cambi:

  • il muco cervicale è scarso e gommoso, a volte totalmente assente
  • aumento della fame, con predilezione per i dolci
  • comparsa di brufoli
  • dolore e gonfiore al seno
  • sensibilità ai capezzoli
  • stitichezza o diarrea
  • ritenzione idrica
  • mal di testa
  • dolori addominali
  • gonfiore
  • spotting (piccole perdite scure, di solito di color marrone)
  • sbalzi d’umore

Sintomi pre ciclo e sindrome pre mestruale: sono la stessa cosa?

La sindrome pre mestruale (PMS) è un insieme di sintomi che si presenta prima dell’arrivo delle mestruazioni: non si parla però solo dei giorni immediatamente precedenti, poiché i primi disturbi possono apparire anche 15 giorni prima della fase mestruale.

Si tratta di un insieme di manifestazioni non solo fisiche ma anche psicologiche ed emotive: non tutte le donne che sperimentano alcuni sintomi pre ciclo sono affette da SMP; questa sindrome, infatti, tendenzialmente è caratterizzata da sintomi ricorrenti e intensi, tanto da spingere la donna che ne soffre a cercare un rimedio (mentre a volte i sintomi pre mestruali non ci danno particolarmente fastidio).

In conclusione

Le donne nel corso della loro vita cambiano, e altrettanto succede ai loro cicli mestruali e ai sintomi che li accompagnano: alcune donne possono avere determinate manifestazioni fisiche o emotive durante l’adolescenza e poi non averle nell’età adulta, o viceversa.

E’ importante continuare ad ascoltarsi e sapersi (ri)conoscere giorno dopo giorno perché siamo corpi che mutano e, come tali, siamo destinati ad evolverci e modificarci.

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito mestruazionisenzatabù.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti

Di Stella Fumagalli

Classe 1986, scrivo su diversi blog dal 2011.
Sono un'appassionata di scienza, femminismo, animali, film horror e tatuaggi.
Amo leggere, odio cucinare, sono intollerante con chi non tollera.
Stay human.

4 risposte su “Sintomi del ciclo: quali sono i segnali che ci avvertono dell’arrivo delle mestruazioni?”

Ottimo, io non sono come le altre io desidero il ciclo voglio essere “signorina” io ho lo spotting le perdite marroncine ma non so se sono dovute al primo menarca che spero arrivi presto

Ciao Edoarda, sono tante le ragazzine che non hanno ancora avuto il menarca e che desiderano, come te, il momento della prima mestruazione! Le perdite marroni sono sangue “ossidato”, ovvero che stato a contatto con l’aria per diverso tempo (a questo è dovuta la colorazione marrone). E’ quindi sangue presente nel tuo canale vaginale che, nel suo percorso verso l’uscita, rimane a contatto con l’aria e cambia colore, ma sempre di sangue si tratta 🙂 Probabilmente il menarca non tarderà ad arrivare; a presto e in bocca al lupo!

Salve , io ho perdite gommose gelatinose trasparenti , spossatezza tante volte dolore alle gambe e pancia ma stavolta stranamente niente dolore al seno .. entro quanto dovrebbe venire il ciclo con questi sintomi ?

Ciao Sara,

è possibile calcolare le mestruazioni osservando il muco cervicale ma per farlo è necessario osservarlo tutti i mesi e annotare i cambiamenti per capire se, ciclo dopo ciclo, c’è uno “schema” che appunto ti permette di calcolare l’arrivo del ciclo attraverso il muco cervicale (potrai farlo se hai un ciclo regolare, chi ha un ciclo con una lunghezza diversa ogni mese è più difficileche riesca a farlo).

Ciò che tiposso dire è che prima e dopo l’ovulazione il muco tende ad essere più bianco e pastoso, mentre durante l’ovulazione il muco è quasi liquido, trasparente e filante (detto appunto “chiara d’uovo”); quando ovuli dovresti averele mestruazioni due settimane dopo, circa.

Un saluto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *