Categorie
Gravidanza Mestruazioni

Mestruazioni che non arrivano: cosa fare se penso di essere incinta?

Se abbiamo avuto un rapporto a rischio e pensiamo di essere incinte c’è solo un modo per verificarlo con sicurezza: il test di gravidanza.

Come abbiamo già scritto in un altro post, il ritardo mestruale può avere diverse cause; tuttavia, soprattutto se abbiamo avuto un rapporto a rischio, le mestruazioni che non arrivano ci portano spesso alla domanda: potrei essere incinta?

Riceviamo infatti moltissime domande da ragazze con un ritardo mestruale che ci chiedono se questo ritardo potrebbe essere dovuto appunto a una gravidanza; alcune hanno effettivamente avuto un rapporto a rischio, altre no ma sono comunque preoccupate per questa eventualità.

A tutte, rispondiamo la stessa cosa: molto spesso i sintomi dell’inizio della gravidanza sono simili a quelli dell’arrivo delle mestruazioni e l’unica maniera di sapere con certezza se c’è una gravidanza in corso è fare un test di gravidanza.

Certo, si possono fare delle previsioni considerando il giorno del ciclo in cui è avvenuto l’eventuale rapporto a rischio però questi calcoli non sempre sono affidabili, soprattutto nel caso di cicli irregolari; inoltre l’ansia e lo stress causato dal ritardo possono andare a influire ulteriormente sulle mestruazioni causando altri ritardi, in un circolo vizioso di preoccupazioni e incertezze che il test di gravidanza può risolvere in pochi minuti e con una manciata di euro.

Andiamo quindi a vedere quando fare un test di gravidanza e come funziona, ma prima cerchiamo di capire qualcosa di più sul rischio di rimanere incinta.

Quando rischio di essere incinta?

Una gravidanza può avvenire se siamo in età fertile (e non abbiamo problemi di fertilità) e abbiamo avuto rapporti a rischio, ovvero rapporti vaginali completi senza utilizzare nessun metodo anticoncezionale di provata efficacia.

Quando si è fertili nel ciclo mestruale?

Il ciclo mestruale è circa di 28 giorni ed è composto da 4 fasi:

  1. fase mestruale
  2. fase follicolare
  3. fase ovulatoria
  4. fase luteale

La fase in cui siamo fertili è quella ovulatoria, ovvero quando avviene l’ovulazione: fase ovulatoria e ovulazione non sono sinonimi, la fase ovulatoria dura circa sei giorni ma la vita dell’ovulo maturo è di circa 24/48 ore e se in quel lasso di tempo non viene fecondato invecchierà e morirà.

Esiste un metodo anticoncezionale che si basa sull’osservazione del ciclo mestruale per determinare i giorni fertili (metodo Ogino-Knaus) però ha un’affidabilità molto bassa ed è reputato non sicuro per proteggersi da gravidanze indesiderate.

Come calcolare l’arrivo dell’ovulazione?

È molto difficile calcolarla a priori; infatti per stabilirla con precisione bisogna attendere l’arrivo delle mestruazioni: dal loro arrivo si torna indietro di 14 giorni, in questo modo possiamo capire quando è avvenuta l’ovulazione (le mestruazioni arrivano sempre 14 giorni dopo l’ovulazione).

È difficile determinarlo in anticipo perché i nostri corpi non sono macchine e non sempre i cicli mestruali hanno la stessa durata; per questo l’ovulazione può avvenire in giorni diversi rispetto ai nostri calcoli matematici.

Posso capire se sono fertile dall’osservazione del muco cervicale?

Sì, con il metodo Billings: durante l’ovulazione il muco cervicale è trasparente, liquido e filante (elastico) mentre nelle altre fasi del ciclo mestruale il muco passa da essere da inesistente a scarso / bianco e denso.

Secondo quanto riportato da Wikipedia (che si basa sui dati della World Organization of Ovulation Method Billings), questo metodo realizzato nel modo giusto ha un tasso di fallimento basso, tra lo 0% e il 2,9%.

Per metterlo in pratica correttamente, però, è necessaria una profonda conoscenza del proprio corpo e dei cambiamenti che interessano il muco cervicale nel periodo che passa da una mestruazione all’altra, e non tutti possiedono questa esperienza.

Cosa significa avere un rapporto a rischio?

Un rapporto a rischio è un rapporto sessuale che comporta il rischio di una gravidanza o il rischio di aver contratto una malattia venerea.

Ci sono alcuni metodi concezionali che proteggono da gravidanze indesiderate e anche da malattie sessualmente trasmissibili: questi sono il preservativo maschile e femminile.

Altri metodi invece proteggono da gravidanze indesiderate ma non da malattie sessualmente trasmissibili: sono i metodi anticoncezionali ormonali (pillola, anello, spirale di progesterone, cerotto, etc.), la spirale in rame e il diaframma.

Altri metodi non proteggono né dalle malattie nè dalle gravidanze: parliamo del coito interrotto, del metodo Ogino Knaus o del metodo Billings se portato avanti in modo sbagliato o da una persona inesperta; anche le docce vaginali profonde sono inutili, se frequenti possono anzi danneggiare il pH della vagina.

Affinché ci sia una gravidanza il rapporto sessuale dev’essere completo, con un’eiaculazione all’interno della vagina (ne bastano poche gocce, per questo anche il coito interrotto è rischioso); fare petting, sesso orale o sesso anale non è un pericolo se l’eiaculazione avviene fuori dalla vagina.

Come sapere se sono incinta?

Come abbiamo detto non sempre è possibile calcolare se un eventuale rapporto a rischio sia avvenuto nei nostri giorni fertili, quindi l’unico modo sicuro per sapere se c’è una gravidanza in corso è fare un test di gravidanza.

Come funziona il test di gravidanza?

Questi test rilevano la presenza nelle urine o nel sangue della gonadotropina corionica (ormone Beta HCG), un ormone che il corpo della donna comincia a secernere pochi giorni dopo il concepimento.

I test di gravidanza che si possono comprare in farmacia rilevano questo ormone nell’urina, è necessario quindi urinare sullo stick (oppure immergerlo nell’urina previamente raccolta).

Esistono anche test di gravidanza che rilevano la presenza della gonadotropina corionica nel sangue ma si eseguono in laboratori d’analisi o in ospedale.

Quando posso fare il test di gravidanza?

Di solito il test di gravidanza si può fare dal primo giorno di ritardo delle mestruazioni; se per esempio dovevano venirci il 28 luglio e il 29 luglio non ci sono ancora venute, possiamo già eseguirlo ma solo se il nostro ciclo mestruale è regolare.

Se è irregolare e non sappiamo con esattezza quando dovrebbe arrivare meglio contare un mese dall’ultima mestruazione + una settimana: se le ultime mestruazioni sono state l’1 ottobre possiamo fare il test circa l’8 novembre.

In ogni caso sulla confezione di ogni test di gravidanza è indicato da quando è possibile eseguire il test per avere un risultato affidabile.

Il test di gravidanza può dare un falso positivo o un falso negativo?

È difficilissimo che il test di gravidanza dia un falso positivo (ovvero che ci dica che siamo incinte quando non è vero), ma può darci dei falsi negativi (dirci che non siamo incinta quando invece lo siamo); questo può accadere quando abbiamo fatto il test di gravidanza troppo presto (per questo chi ha cicli irregolari deve aspettare di più).

Cosa fare se il test di gravidanza è negativo ma le mestruazioni non arrivano?

Dopo qualche giorno il test va ripetuto per per assicurarsi che il risultato della prima volta non fosse un falso negativo; se anche il secondo test dovesse essere negativo ma le mestruazioni ancora non arrivano, meglio fare visita al ginecologo.

Che tipi di test di gravidanza ci sono e quanto costano?

[I link di Amazon che trovate a continuazione contengono un referral, vale a dire che – nel caso di acquisto – Amazon ci riconosce una piccola percentuale]

Quelli che possiamo fare a casa e che si comprano in farmacia, online o al supermercato rilevano la presenza di Beta HCG nell’urina.

I più conosciuti sono i test il cui risultato positivo è rappresentato da due linee: una sola linea significa che non siamo incinta mentre due linee significa che c’è una gravidanza in corso.

In farmacia questo tipo di test costa circa 10 euro mentre su Amazon possiamo trovare una confezione da due a meno di 8 €:

Clicca sull’immagine per andare alla scheda prodotto di Amazon

Poi c’è il test di gravidanza Clearblue che non ci mostra linee ma nella finestrella del risultato riporta “Non incinta” o “Incinta” e, nel caso di una gestazione, ci segnala anche le settimane di gravidanza.

Su Amazon una confezione con due test costa circa 9 € mentre in farmacia una confezione singola di solito costa parecchio di più.

Clicca sull’immagine per andare alla scheda prodotto di Amazon

Infine sempre su Amazon ci sono pack da 20 o 50 test a 10 € o meno: questo non è perché i test siano di peggior qualità, ma perché si tratta di strisce da immergere nell’urina senza la scocca in plastica, come quella che vedete qui sotto (va immersa nell’urina precedentemente raccolta fino alla scritta “Max”), non è possibile urinarvi sopra come negli altri test di gravidanza che hanno la scocca in plastica per proteggere le parti che non possono entrare in contatto con l’urina.

Sono quindi un po’ più scomode ma infinitamente più economiche ed ugualmente affidabili: sono però consigliate per le donne che cercano una gravidanza e che mese dopo mese fanno il test dato che una confezione ne contiene fino a 50.

Clicca sull’immagine per andare alla scheda prodotto di Amazon

Dove comprare il test di gravidanza?

Si possono comprare online (su Amazon per esempio), negli ipermercati (o nei supermercati ben forniti) e anche in farmacia o parafarmacia.

Talvolta le ragazze giovani sentono imbarazzo nel comprare il test di gravidanza in farmacia: in questo caso possiamo optare per un ipermercato (con le casse self service non c’è neanche l’interazione con il commesso / la commessa).

Un’alternativa è comprarlo online, ma se non vogliamo farlo arrivare a casa o non abbiamo una carta di credito con cui pagare, l’alternativa più facile rimane l’ipermercato o la farmacia; possiamo andare in una farmacia lontana da casa nostra (in un altro quartiere se viviamo in una grande città, in un paese vicino se viviamo in una piccola cittadina) per scongiurare eventuali incontri imbarazzanti 😉

Come evitare le gravidanze indesiderate?

L’unico modo è utilizzare un anticoncezionale sicuro: ce ne sono tantissimi sul mercato e tutto sta nel trovare quello più giusto per la nostra situazione.

Una coppia adulta e stabile che non desidera figli probabilmente userà un metodo anticoncezionale diverso rispetto a una ragazza o un ragazzo adolescente con rapporti occasionali.

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito mestruazionisenzatabù.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti

Di Stella Fumagalli

Classe 1986, scrivo su diversi blog dal 2011.
Sono un'appassionata di scienza, femminismo, animali, film horror e tatuaggi.
Amo leggere, odio cucinare, sono intollerante con chi non tollera.
Stay human.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *